.
Annunci online

  ilmondosecondome [ E' pericoloso (NON) sporgersi ]
         

Sto leggendo: "La speranza indiana" - Federico Rampini

Sto ascoltando: "Patrun' e sott" - Fido Guido

 

Non aver paura!

"...one day my dreams will be reality..."


"Questo messaggio lo dedichiamo ai folli. A tutti coloro che vedono le cose in modo diverso. Potete citarli. Essere in disaccordo con loro. Potete glorificarli o denigrarli, ma l'unica cosa che non potete fare è ignorarli. Perchè riescono a cambiare le cose. E mentre qualcuno potrebbe definirli folli, bisogna vederne il genio. Perchè solo coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano davvero".
              Mahatma Gandhi



Mail: donatodisanzo@libero.it

Contatto msn: D-D84@hotmail.it





Commercio Alternativo






 


visita il sito di Articolo 21, il quotidiano online per la libertà di informazione e di espressione



 














Torna alla Homepage


visita il sito di Amnesty International





 


11 maggio 2009

VOTO UTILE A COSA?

Questo non vuol essere assolutamente un appello al non voto. Ritengo sacro l'esercizio del diritto a recarsi alle urne di ogni cittadino per poter invitare chi mi legge a non andare a votare. Piuttosto, però, vorrei indurre tutti gli sfortunati visitatori di questo blog a giudicare con una certa lucidità le immagini e le dichiarazioni che abbondano nei telegiornali degli ultimi periodi. Perchè è ripresa clamorosamente la rappresentazione forzata agli italiani di un voto utile, che risulterebbe essere quello dato al partito democratico.
Speravo, illuso, che i leaders pd questa volta non sarebbero cascati nell'irrefrenabile propensione a considerarsi utili. E invece, senza mezzi termini, non sono riusciti a trattenersi.
Questa volta però, la situazione dovrebbe essere diversa. In occasione delle scorse elezioni politiche si sbandierava il rischio che un voto dato ai veterocomunisti della sinistra avrebbe fatto il gioco di Berlusconi. E in tanti si sono lanciati nell'esercizio di turarsi il naso e di segnare pd sulla scheda, con la speranza che il veltronismo trionfante avrebbe posto un freno allo strapotere del biscione.
Questa volta le cose dovrebbero essere diverse per tutta una serie di motivi: il partito di Veltroni è naufragato, lo stesso progetto politico del pd è imploso, perchè si è dimostrato una mistura di piccoli interessi territoriali in conflitto e di inconciliabili visioni del mondo. Appellarsi al voto utile potrebbe risultare persino controproducente per la banda Franceschini, se non altro perchè non si comprendere a cosa possa essere funzionale un voto dato al pd. Forse a fomentare le beghe localistiche come quella in atto a Reggio Emilia, oppure a sottorappresentare fasce della popolazione vituperate e trascurate
Ciò che stenta a decollare in questa campagna elettorale è, invece, la discussione sui problemi veri che stringono la morsa sull'Italia: il berlusconismo imperante che assume i contorni di un autoritarismo nemmeno tanto celato, il razzismo e la xenofobia dilaganti nella società, i temi del lavoro e della precarietà giovanile, la crisi economica, la difficoltà di arrivare a fine mese....
Ecco, per qualificarsi utile, chiunque dovrebbe dare risposte in questo senso....
E chi cerca di farlo, in questo paese, è definito inutile.... Vero? 




permalink | inviato da donatodisanzo il 11/5/2009 alle 11:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


sfoglia     aprile       
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom